27 Settembre 2022
Quanti tipi di carrelli elevatori ci sono? Guida alla scelta e importanza per la logistica aziendale

Quanti tipi di carrelli elevatori ci sono? Guida alla scelta e importanza per la logistica aziendale

Con il termine carrello elevatore si intende il più gergale muletto, macchinario specializzato nel sollevamento e spostamento di merci all’interno di depositi di logistica.

Nella sua versione standard il muletto è costituito da 3 o 4 ruote a seconda dello spazio di azione cui è destinato, montanti, da forche di sollevamento per i relativi pallet e da un motore elettrico, a gas o diesel.

Vediamo ora più in dettaglio le diverse tipologie di carrelli elevatori, perché sono importanti nel contesto della logistica aziendale e come scegliere il modello giusto.

Tipologie di carrelli elevatori

Sono numerose le tipologie di carrelli elevatori ed è possibile suddividerli in tre grandi categorie:

  • transpallet
  • carrelli elevatori tradizionali quali, appunto, i muletti
  • carrelli commissionatori

I transpallet possono essere manuali o elettrici e rappresentano la scelta migliore per il trasporto breve dei pallet all’interno di piccoli magazzini.

Il carrello elevatore controbilanciato, invece, rappresenta sicuramente il mezzo più diffuso per il movimento di casse, pallet, contenitori in spazi maggiori.

I carrelli commissionatori sono invece un’evoluzione dei transpallet in quanto permettono di ospitare l’operatore.

In particolare, con riferimento ai muletti, è opportuno precisare che anche questi ultimi si dividono in diverse tipologie a seconda delle loro caratteristiche.

Difatti possiamo distinguerli sulla base delle modalità di alimentazione, della tipologia del montante e delle forche di sollevamento. Il muletto può essere elettrico o a diesel a seconda della sua destinazione: elettrico per ambienti interni, diesel per quelli esterni.

Il montante di un carrello elevatore è fondamentale in relazione all’altezza del sollevamento. Esso può essere doppio, doppio a sollevamento libero o triplo. Il montante doppio o anche detto duplex è caratterizzato da due slitte (o sfili di sollevamento), quelli doppi a sollevamento libero constano sempre di due bracci, ma a differenza del precedente il montante telescopico non si estende fino a quando la forca è salita completamente. Il muletto è triplex quando è costruito con tre sfili di sollevamento. Il carrello elevatore dotato di un montante triplex è in grado di allungarsi fino a tre volte la propria altezza. Sia i montanti duplex che i triplex sono detti GAL (grande alzata libera) ciò significa che possono, appunto, raggiungere altezze rilevanti.

Ulteriore metodo di classificazione dei muletti è dato dalle forche di sollevamento. Grandi braccia di acciaio atte a sostenere unità di carico che vengono sollevate e spostate. Le forche possono essere laterali, frontali, trilaterali a seconda della loro posizione rispetto al guidatore.

Come scegliere il muletto

Come detto, le tipologie di carrelli elevatori sono suddivise in tre grandi aree ed a loro volta i muletti si suddividono in altrettante categorie. Per questo motivo è necessaria una valutazione accurata ed una ricerca minuziosa per la selezione del muletto adeguato alle proprie esigenze. È possibile trovare tabelle comparative (come questa), ma di seguito elenchiamo i criteri base per la scelta del carrello elevatore adeguato a soddisfare il lavoro cui sarà preposto.

Uno dei primi passi da compiere è quello di valutare la portata del carrello elevatore a seconda del materiale, quindi la capacità di carico, l’altezza di sollevamento (che ricordiamo dipendere dal montante), il tipo di motore (a seconda della destinazione ad uso interno o esterno) ed infine le gomme.

Inoltre, un altro aspetto da tenere in considerazione nella scelta del carrello elevatore è la modalità di acquisto.

Il muletto può infatti essere acquistato nuovo o usato, soluzione ideale se si utilizza quotidianamente in azienda

 In altri casi, invece, in particolare se si ha necessità per un determinato periodo di tempo oppure lontano dalla sede aziendale, il carrello elevatore può essere noleggiato.

Quest’ultima opzione (che puoi approfondire in questa guida dettagliata sul noleggio dei carrelli elevatori) consente non solo di ridurre i costi in quanto non sono presenti tariffe di gestione del carrello, ma anche di non impegnarsi in un’ingente spesa se il macchinario serve solo per un periodo di tempo limitato. Utilizzi e importanza per la logistica

L’utilizzo di un muletto nei magazzini è fondamentale: per sollevare, spostare e trasportare grandi carichi è sempre necessario un carrello elevatore.

Nell’ambito della logistica l’impiego di tali macchinari consente non solo un risparmio di denaro e tempo in quanto la velocità di trasporto è nettamente superiore, ma garantisce anche una migliore produttività e la sicurezza durante le fasi di trasporto e stoccaggio delle merci.

Utilizzi e importanza per la logistica

L’utilizzo di un muletto nei magazzini è fondamentale: per sollevare, spostare e trasportare grandi carichi è sempre necessario un carrello elevatore.

Nell’ambito della logistica l’impiego di tali macchinari consente non solo un risparmio di denaro e tempo in quanto la velocità di trasporto è nettamente superiore, ma garantisce anche una migliore produttività e la sicurezza durante le fasi di trasporto e stoccaggio delle merci.