3 Ottobre 2022
Il Futuro del Lavoro nel 2030

Il Futuro del Lavoro nel 2030

La tecnologia eliminerà dei posti di lavoro nel futuro e aggraverà la disuguaglianza, o porterà lavoro più significativo e società più sane? Questa domanda ha preoccupato l’umanità sin da quando il progresso tecnologico ha sostituito alcuni lavori manuali. Il guardiano dell’orologio, il proiezionista di film, centralinista, non erano più necessari una volta sviluppata una tecnologia migliore. Le fotocamere digitali e i telefoni cellulari hanno cambiato la fotografia e il modo in cui facciamo clic sulle foto. Per rimanere pieni di risorse, i fotografi non avevano altra scelta che abbracciare la nuova tecnologia. A un certo punto, nessuno avrebbe potuto pensare che questi lavori interessanti non sarebbero entrati nella lista dei migliori lavori futuri e sarebbero stati ridondanti in futuro. 

Tuttavia, da allora abbiamo fatto molta strada e abbiamo imparato dalle nostre esperienze. Il nostro passato ci ha insegnato che nel futuro potrebbe esserci un mondo in cui la funzione delle risorse umane svanisce e viene sostituita da team di automazione, outsourcing e auto-organizzazione. Non è difficile immaginare un mondo in cui i migliori talenti sono contesi così ferocemente che i lavoratori più abili assumono agenti personali per gestire le loro carriere . L’idea è di essere preparati per quel futuro.

Il posto di lavoro del 2030

Secondo una serie di studi indipendenti della Comunità Europea (Future.eu) raccolti la Posizioni Aperte – la piattaforma italiana di AI per la ricerca di personale – il posto di lavoro nel 2030 sarà molto diverso da quello di oggi. Ecco un assaggio di come potrebbe essere il lavoro nel 2030:

1. I migliori posti di lavoro avranno diverse aree tranquille in modo che i lavoratori possano scegliere dove vogliono lavorare, eliminando del tutto i posti assegnati.

2. Organizzazioni individuali più piccole: ci saranno società più piccole. Con così tante opportunità di collaborazione, non ci sarà bisogno di costruire un grande business costoso.

3. Meno gerarchia: tutti saranno leader. Il lavoro prospererà in team, non con i dittatori.

4. Grande enfasi sul benessere: gli uffici saranno ambienti molto più sani, che si tratti di una buona illuminazione, aree relax, camere da letto, musica, animali domestici al lavoro, ecc.

5. Necessità di un ruolo di “capo del lavoro”: il capo del lavoro stabilirà la cultura nell’organizzazione. Questo ruolo potrebbe anche essere tra i migliori lavori per il futuro.

6. Planimetrie flessibili: quando i lavoratori arrivano al loro edificio per uffici, i dispositivi indossabili faranno loro sapere a quale piano andare, che può essere modificato in base ai dati dei sensori.

7. Arrivederci, scrivania: non ci saranno scrivanie fisiche; i dipendenti si parcheggeranno ovunque e avranno un ufficio simulato davanti ai loro occhi.

8. Il tuo assistente robotico: tutti i lavoratori a tutti i livelli utilizzeranno in futuro assistenti robotici come Siri o Alexa, per ordinare le e-mail in arrivo, pianificare riunioni, creare fogli di calcolo, ecc.

9. Brainstorming più intelligente: la maggior parte delle riunioni si svolgerà tra diversi gruppi di lavoratori in più località, consentendo la condivisione senza interruzioni di idee e il brainstorming tra fusi orari.

10. Il Virtual Water Cooler – Gli incontri informali si svolgeranno tramite cuffie virtuali e di realtà aumentata.

Megatrend nei ruoli di lavoro

Molte Società di Consulenza hanno condotto una ricerca su come potrebbero essere le competenze e l’occupazione nel 2030 e ha identificato alcune possibili tendenze nei ruoli lavorativi:

  1. Prevedono che solo un lavoratore su cinque ha un lavoro attuale e che si ridurrà in futuro.
  2. Le occupazioni legate all’agricoltura, al commercio e all’edilizia, che in altri studi si prevedeva in declino, possono avere sacche di opportunità lungo la scala delle competenze.
  3. In settori come l’istruzione e la sanità, si prevede che solo un lavoratore su dieci svolge occupazioni che potrebbero crescere.
  4. Pearson prevede che sette lavoratori su dieci svolgono lavori in cui vi è maggiore incertezza sul futuro.
  5. I loro risultati confermano anche l’importanza di abilità cognitive di ordine superiore come la risoluzione di problemi complessi, l’originalità, la fluidità delle idee e l’apprendimento attivo. Queste saranno le competenze più richieste per il futuro.
  6. I loro risultati classificano le aree di conoscenza, le abilità e le abilità che saranno maggiormente richieste in futuro.

Le competenze più richieste per il futuro

I rapporti sul lavoro dei Panel della UE citati prima hanno evidenziato i primi 3 set di competenze di cui i lavoratori avranno bisogno per assicurarsi le migliori carriere per il futuro. Queste competenze più richieste per il futuro sono:

  1. Cognitivo superiore – Questi includono alfabetizzazione e scrittura avanzate, pensiero critico e analisi quantitativa e abilità statistiche. Medici, contabili, analisti di ricerca e scrittori li usano.
  2. Sociali ed emotivi: includono comunicazione avanzata, empatia, capacità di adattamento e capacità di apprendere continuamente. Lo sviluppo aziendale, la programmazione e la consulenza richiedono queste competenze. Questi lavori sono anche tra le migliori carriere per i prossimi dieci anni.
  3. Tecnologico: include tutto, dalle competenze IT di base a quelle avanzate, all’analisi dei dati e all’ingegneria. È probabile che queste abilità future siano le più pagate.

Ecco quindi un breve sguardo su quello che potrebbe essere il mondo del lavoro del futuro prossimo. Meglio? Peggio? Da qui sembra sicuramente molto più impegnativo.